Un incendio ha devastato a Lilongwe alcuni locali di un complesso dove sono situati gli uffici dei vescovi: lo dice alla MISNA padre Georges Buleya, segretario della Conferenza episcopale, sottolineando che le tensioni politiche del Malawi stanno favorendo “speculazioni” su un possibile dolo.

“Le fiamme – racconta padre Buleya – hanno devastato la camera di un sacerdote e altre aree residenziali senza raggiungere gli uffici”. Il segretario della Conferenza episcopale sottolinea che non esiste alcun elemento a sostegno della tesi di un incendio doloso, ma che il “contesto” rende i sospetti comprensibili.

Alcune settimane fa un incendio era divampato in circostanze misteriose nella casa di Macdonald Sembereka, un attivista noto per le sue critiche al governo. Pochi giorni prima il presidente Bingu wa Mutharika aveva suggerito un legame tra monsignor Joseph Mkasa Zuza, presidente della Conferenza episcopale, e i manifestanti scesi in piazza negli ultimi mesi per protestare contro l’inflazione e chiedere il rispetto delle libertà civili. A luglio l’intervento della polizia per disperdere i partecipanti ad alcuni cortei aveva innescato disordini che si erano conclusi con un bilancio di 20 vittime.

MISNA 14 ottobre  2011

Tags: , , , , , , , , , , ,