LE CHIESE ORIENTALI CELEBRANO IL NATALE
Le Chiese orientali che seguono il calendario giuliano celebrano oggi il Natale. Quando, nel 1582, il calendario venne riformato da Papa Gregorio XIII, alcuni giorni vennero soppressi. Il calendario gregoriano non venne accettato dalla Chiesa ortodossa, che quindi continua a usare il calendario giuliano. Secondo questo calendario, oggi ricorre il 25 dicembre. A celebrare il Natale sono per lo più le comunità ortodosse della Serbia, della Bulgaria, della Russia e della Georgia, ma anche comunità presenti negli Stati Uniti e la piccola comunità ortodossa di Gerusalemme. Il Papa ha ricordato questo evento nell’Angelus dell’Epifania. Quest’anno le Chiese orientali celebrano questa festa durante il periodo di lutto per la morte del Patriarca Alessio II, scomparso il 5 dicembre. Pur non avendo un ruolo di governo su tutte le comunità ortodosse, il Patriarca di Russia riveste un ruolo di guida per quasi tutte le comunità dell’Europa orientale. Durante il periodo di Natale, i fedeli fanno uso delle icone per ricordare i fatti più importanti legati alla nascita di Cristo. Da qualche anno si va inoltre diffondendo la tradizione del presepe.[GC]

Agenzia MISNA – SUD DEL MONDO
7/1/2009