Esiste un paese a sud dell’Africa che sta vivendo una tragedia quotidiana.
E’ uno dei paesi più poveri del mondo e conta circa 13 milioni di abitanti, secondo il censimento governativo del 2009.
E’ il Malawi, conosciuto prima dell’indipendenza con il nome di Nyasaland.
In questo paese centinaia di papà e mamme vengono portate via dalla malattia dell’AIDS.
Una situazione questa dovuta alla povertà, alla mancanza di igiene e ai lunghi anni della dittatura che non hanno permesso una coscientizzazione e prevenzione dell’epidemia.
La situazione che si è creata fa veramente piangere. Ci sono famiglie fatte interamente di figli il più grande dei quali ha meno quindici anni.
Ci sono ragazzi che vivono elemosinando sulle strade…
I grandi paesi, le organizzazioni nazionali non riescono o non vogliono più interessarsi dell’Africa. Dicono che tanto non cambia nulla.

Noi non possiamo condividere questa scelta e arrenderci, sono più di cento anni che siamo in Malawi.
La vita deve continuare e l’amore cristiano non può conoscere confini.
In nome di questa fede cristiana, ci rivolgiamo alle famiglie, alle persone di buona volontà che ancora credono in un mondo migliore.

In Malawi migliaia di bambini, ragazzi e ragazze, sprerimentano la triste situazione di vivere orfani, quale conseguenza della povertà. della fame e delle malattie in particolare della malaria e della grave epidemia causata dall’AIDS.
Mai in Africa erano esistiti gli orfani, perché la grande famiglia riusciva a fare spazio a tutti i suoi figli. Oggi è un’intera generazione di orfani, centinaia di migliaia di bambini che crescono senza l’aiuto, l’amore e il sostegno di un papà e di una mamma.

Occorre un’azione concreta

Per rispondere a questa emergenza i Missionari Monfortani, presenti in Malawi da quasi cento anni, in collaborazione con molti volontari, parrocchie e associazioni hanno organizzato il progetto:

“Distant Adoption – Adozioni a Distanza”

che intende mettere in contatto diretto ogni orfano con una famiglia.

E’ un programma di aiuto che intende garantire per dieci anni la crescita e l’educazione di un orfano.
Dieci anni che permettono ad un bambino di superare il periodo più difficile e importante della vita, consentendogli un’autonomia che lo renda capace di costruirsi un futuro.

Quest’opera di adozione e sostegno a distanza porta un aiuto concreto ai parenti e ai nonni che accolgono in casa i ragazzi che sono rimasti orfani: bastano 250 euro all’anno, invitando chi può a donare di più.

Il lato veramente positivo è dato dal fatto che gli orfani rimangono all’ interno del loro villaggio, frequentano la scuola, crescono nella loro cultura e tradizione.

L’aiuto che annualmente viene dato dalle famiglie che adottano un orfano del Malawi (da un minimo di 250 Euro), viene distribuito mensilmente in vestiti, materiale scolastico e in soldi che permettono di poter comperare farina, sale e zucchero che rappresentano tutto il necessario per sopravvivere e per frequentare la scuola di un ragazzo del Malawi.

Volontari coordinati da una mamma che lavora a tempo pieno in questo programma, garantiscono che tutto quello che viene inviato raggiunga direttamente il bambino adottato.
Attualmente circa mille bambini hanno “trovato casa”, chi una famiglia, chi una scolaresca o un gruppo di persone disposte a far parte di questa avventura.

Lanciamo questo appello via Internet, perché da soli non riusciamo più a far fronte a questa emergenza.

Abbiamo bisogno del tuo aiuto.

Oltre 8 mila bambini orfani attendono di trovare una famiglia che li adotti, e questo nella sola missione di Balaka.

Per ogni bambino adottato viene inviato dal Malawi una scheda con una fotografia e i dati più importanti.

Viene offerta la possibilità di un contatto diretto tramite lettera e una volta all’anno inviamo una video cassetta che permetta di conoscere e condividere l’esperienza di adozione come un vero fare posto ad un figlio in casa tua.

Ogni tre mesi scriviamo a tutte le famiglie una “CHIKALATA” , una grande lettera che racconta della vita, i problemi e le gioie dei bambini del Malawi.
I bambini e le bambine che vengono adottati appartengono a diverse religioni e tribù, tradizioni e cultura. In questa lettera aiutiamo le famiglie a conoscere e quasi a farsi presente nell’ambiente in cui questi orfani vivono.

Rimane aperta la possibilità di andare a trovare direttamente il proprio bimbo adottato e sostenuto a distanza, anche se i 10.000 chilometri che separano l’Italia dal Malawi sono davvero molti.

Come partecipare:

scrivere un email a: info@adozioni-malawi.org


MODALITA’ DEL VERSAMENTO PER LE MISSIONI MONFORTANE ONLUS

Bonifico bancario

MISSIONI MONFORTANE ONLU

UNICREDIT

Agenzia di Redona (Bergamo)

IBAN IT 07 W 02008 11104 000102721941

BIC UNCRITM130B


Versamento postale

BANCO POSTA

IBAN: IT27H 07601 11100 000053005187

Conto Corrente postale: 53005187

Missioni Monfortane Onlus
Via Legnano, 18 – 24124 Bergamo
Tel: 0354175119

Il Gruppo Malawi di Bergamo collabora con i padri missionari monfortani.

Per le vostre donazioni utilizzate il bollettino postale:

“MISSIONI MONFORTANE ONLUS”
C/C Postale n. 53005187
Via Legnano, 18
24124 BERGAMO

Scriveteci per la prima Adozione


 

Per chi ha già una Adozione
indicare sempre la causale del versamento:
“Adozione + nome del bambino”

Per chi vuole fare un’offerta per il Malawi
deve scrivere questa causale di versamento:
“Offerta pro Malawi”


Per saperne di più:

Per l’area del NORD ITALIA:
Amici Missionari Monfortani
Via Legnano,18
24124 Redona (Bergamo)
Tel. 035 4175119
Email: info@adozioni-malawi.org
Email Gruppo di Bergamo: amicidellemissionibg@gmail.com

Per l’area del CENTRO-SUD ITALIA:
Gruppo “Seconda Linea Missionaria”
P.zza S. Monica, 1
Lido di Ostia – 00121 ROMA
Tel. 5695798

Email: info@lineamissione.com
Sito internet: www.lineamissione.com


Recapito in MALAWI:

Padre Piergiorgio Gamba
Email: balaka.orphanscare@gmail.com

Garante delle Adozioni a distanza:
Procura Missioni Estere Missionari Monfortani
Via Legnano,18 – C.P. 209
24124 Redona (Bergamo)
Tel. 035-4175119

amicidellemissionibg@gmail.com

Non dimenticarmi,
quando prepari la tavola per te e i tuoi figli,
aggiungi un posto anche per me.
Sarò come tuo figlio, sarò come tua figlia…